I trattamenti di bellezza sono senza dubbio una grande risorsa per le donne che vogliono eliminare i segni del tempo e donare una seconda giovinezza alle linee del proprio viso. In questo senso, va segnalato che le opportunità sono davvero ampie: basta semplicemente soppesare i pro ed i contro delle sostanze utilizzate per questi trattamenti, e valutare in base alle situazioni personali. La scelta, in questo campo, non può che tradursi nella seguente: acido ialuronico o botox? Vediamo insieme le caratteristiche di entrambi.

L’acido ialuronico: eleganza naturale al servizio delle donne.

L’acido ialuronico è una scelta spesso molto consigliata. Trattandosi di una sostanza naturale già presente nel corpo umano, le iniezioni a base di acido ialuronico non comportano effetti dannosi sulla pelle o sull’espressività del viso: il motivo per cui si effettuano, è che le normali quantità di acido ialuronico presenti nella pelle tendono a svanire col passare degli anni. Con l’avanzare dell’età, dunque, qualche ritocchino a base di acido ialuronico permette alla pelle di tornare ad essere elastica e maggiormente protetta dalle tossine presenti nell’aria.

L’acido ialuronico ha tantissime proprietà che lo rendono adatto per qualsiasi trattamento. Innanzitutto è l’ideale per elasticizzare e donare nuova vita alla cute e all’epidermide del viso, in quanto agisce in modo del tutto naturale e non presenta alcuna possibilità di rigetto da parte dell’organismo, essendo già presente in esso. Grazie alle punture di acido ialuronico, è possibile stendere naturalmente la pelle, eliminando rughe, zampe di gallina e persino fastidiosi inestetismi della pelle dovuti alla cute rovinata dal tempo. Inoltre, l’acido ialuronico può essere assunto in diverse forme, e non necessariamente attraverso una puntura localizzata: nello specifico, esistono molti prodotti di bellezza a base di acido ialuronico e venduti sotto forma di creme idratanti e persino di colliri e gel. L’acido ialuronico non ha particolari contro-indicazioni: trattandosi di un filler temporaneo, però, occorre ripetere il trattamento ogni 6 mesi.

Il botulino: tossina o rimedio?

Il Botox altro non è che botulino raffinato: ovvero una sostanza presente sì in natura, ma comunque nata come tossina paralizzante. Ed il Botox fa esattamente questo: attraverso l’iniezione subcutanea, paralizza le cellule della pelle evitandone l’invecchiamento e stendendo di riflesso le zone segnate da rughe ed altri inestetismi. L’effetto iniziale è davvero notevole, ma tende a causare grossi problemi sul lungo periodo, soprattutto se si ripete il trattamento per anni. La tossina, infatti, tende a privare il viso di espressività, facendolo apparire finto. Il consiglio è di evitare troppi trattamenti.

Source