L’articolazione del ginocchio è quella più interessata dagli infortuni da sovraccarico nel runner. Molte lesioni della cartilagine articolare non danno sintomi e si evidenziano soltanto durante l’artroscopia (nel 60% dei casi) o in occasione dell’esecuzione di una risonanza magnetica.
Finora non esiste alcuna evidenza scientifica che la corsa di resistenza a chilometraggi bassi o moderati causi l’artrosi del ginocchio, mentre le ricerche sugli alti chilometraggi sono inconcludenti, nel senso che si è arrivati a risultati contrastanti. Purtroppo l’artrosi del ginocchio può presentarsi anche nelle persone più giovani, fra i 35 e i 55 anni. Precedenti infortuni (lesioni meniscali o del legamento crociato), sovrappeso, ginocchio varo o valgo e un inizio della pratica della corsa troppo aggressivo e su terreni impegnativi per irregolarità e pendenza, sono i principali fattori che favoriscono le lesioni della cartilagine articolare.
Sicuramente correre senza una corretta tecnica di corsa o da stanchi (allenamenti e gare troppo duri per la condizione atletica) può portare a una ridotta capacità di sopportare gli stress meccanici che si creano al momento dell’appoggio del piede al terreno, con conseguente danno all’articolazione del ginocchio.

L’acido ialuronico è presente normalmente nelle articolazioni?

Sì, è un normale costituente della cartilagine articolare e del liquido sinoviale. Assicura la lubrificazione e il nutrimento della cartilagine, oltre a ridurre l’attrito nel movimento e a contribuire all’ammortizzamento degli impatti col terreno. Ha quindi un ruolo molto importante nel buon funzionamento delle articolazioni.

Le ragioni delle lesioni della cartilagine articolare

Che succede a un ginocchio che abbia un danno cartilagineo o l’artrosi?

In un’articolazione con questi problemi diminuiscono sia la concentrazione che il peso molecolare dell’acido ialuronico e, di conseguenza, si assiste a una riduzione della visco-elasticità del liquido sinoviale, con compromissione della lubrificazione e della protezione della cartilagine articolare dagli stress meccanici.

L’acido ialuronico è presente normalmente nelle articolazioni?

Cosa s’intende con visco-supplementazione e visco-induzione?

L’iniezione all’interno dell’articolazione con acido ialuronico viene definita visco-supplementazione e visco-induzione perché ha appunto una doppia funzione: quella di ripristinare la viscosità del liquido sinoviale e quella di stimolare la produzione di liquido sinoviale da parte del corpo (endogena).

Che succede a un ginocchio che abbia un danno cartilagineo o l’artrosi?

L’acido ialuronico ha anche una azione antinfiammatoria?

Sì, perché contrasta l’azione di alcune molecole proinfiammatorie prodotte dall’organismo (citochinine) e il danno ossidativo dei radicali liberi, oltre a ridurre la produzione di enzimi degradativi della cartilagine. La sua azione antiinfiammatoria è inferiore a quella del cortisone, ma non ha gli stessi effetti collaterali.

Cosa s’intende con visco-supplementazione e visco-induzione?

Da dove viene estratto?

In genere è ottenuto con un procedimento di biofermentazione, utilizzando dei batteri, quindi senza alcun componente di origine animale, ma può anche essere estratto dalla cartilagine delle creste di gallo.

L’acido ialuronico ha anche una azione antinfiammatoria?

Gli acidi ialuronici sono tutti uguali?

No, differiscono soprattutto per il peso molecolare. L’acido ialuronico a basso peso molecolare (0.5 e 1.2 milioni di Dalton) ha un effetto di visco-induzione interagendo in modo ottimale con i recettori specifici e stimolando così diverse attività biologiche (riparazione del danno e rallentamento della patologia artrosica) nelle cellule in cui sono presenti (sinoviociti e condrociti). Il suo uso è indicato in caso di danni iniziali della cartilagine e nelle persone giovani. L’attività di visco-supplementazione tipica degli acidi ialuronici ad alto peso molecolare (più di 6 milioni di Dalton) consiste principalmente nell’azione meccanica di lubrificazione e protezione della cartilagine articolare nei confronti delle sollecitazioni meccaniche. Il suo uso è indicato nelle gravi lesioni cartilaginee e nell’osteoartrosi. Alcuni studi hanno evidenziato come con l’infiltrazione del ginocchio con acido ialuronico ad alto peso molecolare sia stato possibile ritardare di 3.8 anni la protesi nel 75% dei pazienti. Va detto che è molto più caro di quello a basso peso molecolare.

Source