Tutti lo conoscono e molti cosmetici lo contengono per il suo alto potere IDRATANTE, azione ANTIAGE ed effetto LIFTING.

Scopriamo qualcosa in più su questo ingrediente.

L’acido ialuronico (HA) è un glicosaminoglicano (il suo peso molecolare si aggira normalmente intorno agli 1-5 milioni di Dalton). E’ costituito da una catena polisaccaridica non ramificata prodotta dall’aggregazione di migliaia di unità disaccaridiche, formate a loro volta da residui di acido glucuronico (derivato del glucosio) e N-acetilglucosamina.

È in grado di attrarre fino a 1.000 volte il suo peso in acqua!!

I gruppi carbossilici dell’acido glucuronico e della N-acetilglucosamina sono completamente ionizzati conferendo alla molecola di acido ialuronico elevata polarità e, di conseguenza, un’elevata solubilità in acqua. Grazie a questa sua proprietà l’acido ialuronico si complessa con moltissime molecole di acqua raggiungendo un elevato grado di idratazione.

DOVE SI TROVA?

L’acido ialuronico ad alto peso molecolare è stato scoperto nel 1934, da Karl Meyer e il suo assistente, John Palmer nel vitreo degli occhi bovini.  Biopolimero naturale, ha importanti funzioni biologiche nei batteri e negli animali superiori, incluso l’uomo. Si trova nella maggior parte dei tessuti connettivi ed è particolarmente concentrato nel liquido sinoviale, nel liquido vitreo dell’occhio, nelle corde ombelicali. Svolge un ruolo importante nella guarigione della pelle, in particolare dopo i danni UV, l’idratazione e il lavaggio dei radicali liberi.

Fu isolato per la prima volta come acido, ma in condizioni fisiologiche si comportava come un sale (ialuronato di sodio).
Il termine “ialuronano” è stato introdotto nel 1986 per conformarsi alla nomenclatura internazionale di polisaccaridi.

ACIDO IALURONICO E INVECCHIAMENTO CUTANEO

L’idratazione della pelle dipende in modo critico dall’acqua legata all’HA nel derma e nell’area vitale dell’epidermide, mentre il mantenimento dell’idratazione dipende essenzialmente dallo strato granuloso. L’ampia perdita dello strato granuloso nei pazienti con ustioni può causare gravi problemi clinici a causa della disidratazione.

La pelle giovane mantiene il suo turgore, la resistenza e la flessibilità, tra l’altro, grazie al suo alto contenuto di acqua. Le lesioni esterne quotidiane, oltre al normale processo di invecchiamento, causano perdita di umidità. La molecola chiave coinvolta nell’umidità della pelle è proprio l’acido ialuronico (HA) che ha una capacità unica nel trattenere l’acqua e preservare dall’invecchiamento.

OFFERTA LANCIO/Siero all’acido ialuronico 50…*

  • PER UN ASPETTO LISCIO E RINGIOVANITO – Questo siero viso rimpolpa visibilmente rughe e…
  • TECNOLOGIA ANTIETÀ A QUADRUPLICE AZIONE – Il nostro siero acido ialuronico estremamente…
  • EFFICACIA SCIENTIFICAMENTE PROVATA – La potente combinazione di ingredienti attivi…

ASSORBIMENTO DELL’ACIDO IALURONICO

Sebbene l’acido ialuronico si presenti naturalmente nel corpo umano, non è necessariamente considerato un ingrediente naturale nella cura della pelle, poiché l’HA deve essere sottoposto a trattamento chimico per essere efficace nell’applicazione topica. È noto che l’HA ha un grande peso molecolare e quindi non penetra nella pelle.

Lo spazio intercellulare è solo 15-50nm, quindi l’HA non può essere assorbito o penetrare nella pelle.

È qui che entra in gioco lo ialuronato di sodio, un sale di sodio dell’acido ialuronico , con una serie di pesi molecolari più piccoli che consentono una penetrazione completa e profonda negli strati sub-cutanei.

Lo ialuronato di sodio ha un peso molecolare inferiore rispetto a HA e HA idrolizzato, quindi viene assorbito più facilmente nei pori. Lo ialuronato di sodio ha la capacità di penetrare negli strati più profondi della pelle e attira e lega anche l’acqua. Questo effetto può rimpolpare la pelle, riducendo così l’aspetto delle rughe e rendendo la pelle più giovane. L’acido ialuronico idrolizzato agisce a livello superficiale per levigare e idratare, e lo ialuronato di sodio fa lo stesso a un livello più profondo, il che aiuta a ridurre i segni dell’invecchiamento.

PESI MOLECOLARI E ASSORBIMENTO

Nelle formulazioni cosmetiche l’utilizzo di acido ialuronico ad alto peso molecolare (> 2.0 *106Dalton): permette di creare un film sulla pelle impedendo perdite di acqua (TEWL) e incrementando l’idratazione.

I pesi molecolari di dimensioni maggiori si trovano sulla superficie delle cellule della pelle fornendo un’eccellente barriera, attirando l’umidità dall’atmosfera mantenendo la superficie della pelle idratata.

Le formulazioni contenenti acido ialuronico a basso peso molecolare (1000 – 2000 Dalton) permettono un assorbimento della molecola fino agli strati più profondi del derma (grazie alle ridotte dimensioni molecolari) apportando quindi idratazione profonda, migliore tono ed elasticità cutanea. L’acido ialuronico a medio peso molecolare (0.5–1.0*106 Dalton, 1.0–1.5*106 Dalton, 1.5–2.0*106 Dalton) è invece responsabile della ritenzione di acqua negli strati medio/superficiali dell’epidermide, completa l’azione d’idratazione e tono ottenuta in sinergia con le molecole a basso e alto peso molecolare. Si ha effetto filmogeno.

Se il peso molecolare supera i 500 dalton, si ha una penetrazione molto lenta.

Un gel formulato già con l’1% di HA, è molto viscoso e non facilmente erogabile. Le percentuali d’uso in cosmetica sono dallo 0,01 allo 0,5% se contenuto in una crema o siero. I gel a base di acido ialuronico, possono contenerlo massimo all’1% ed è usato come gelificante (immaginate quindi il costo di un gel fatto di solo acido ialuronico!). La nostra pelle contiene 318µg/cm².

TIPOLOGIE DI ACIDO IALURONICO

-Microsfere di acido ialuronico: si tratta di una tecnologia innovativa, che consiste nella disidratazione dell’acido ialuronico e nella sua dispersione in una soluzione liposolubile. Tale composto una volta messo in ambiente acquoso ha la capacità di assorbire acqua e di rigonfiarsi aumentando notevolmente il suo volume sino a circa tre volte.

Quando questa forma di acido ialuronico viene applicata sulla pelle, in particolare in prossimità delle rughe, richiama a sè l’acqua aumentando di volume e andando a riempire la ruga.

Liposomi di acido ialuronico: si tratta di  sfere liposomiali contenenti acido ialuronico che, grazie alla loro anfifilia riescono ad attraversare lo strato corneo, liberando negli strati più profondi dell’epidermide l’acido ialuronico che a sua volta svolge un’azione di protezione e riparazione della pelle.

VINCITORE 06/20* BIO Siero Viso all’Acido Ialuronico…*

  • QUADRUPLICE EFFETTO A ELEVATA EFFICACIA / DOSAGGIO ESTREMAMENTE ALTO E CONCENTRATO /…
  • QUALITÀ BIOLOGICA / PRODOTTO IN GERMANIA / CLASSIFICATO “OTTIMO” / I nostri…
  • PER UNA PELLE RADIOSAMENTE BELLA E DALL’ASPETTO PIÙ GIOVANE / PRODOTTO COSMETICO VEGANO,…

-Bio-rivitalizzazione transdermica: tecnica usata nei centri estetici, si tratta di “infiltrazione” di acido ialuronico nella pelle senza l’utilizzo di aghi. Generalmente la tecnica usata è l’elettroporazione, che consiste nell’apertura di “canali acquosi” temporanei mediante un impulso elettrico. Attraverso questi canali definiti “elettropori” la pelle risulta essere più ricettiva alle molecole di acido ialuronico favorendone la penetrazione. Il peso molecolare gioca un ruolo molto importante e deve essere il più basso possibile.

– Acido ialuronico “cross-linked”: rappresenta un sistema di veicolazione  in cui l’acido ialuronico funziona da carrier per altre molecole attive. L’acido ialuronico cross- linked trattato in modo opportuno forma delle “gabbie” all’interno delle quali si può far legare un altro principio attivo. Questa tecnologia sfrutta il naturale processo di degradazione dell’acido ialuronico da parte dell’enzima jaluronidasi in cui  libera la molecola attiva che era “ingabbiata” e nello stesso tempo protetta.

Esiste inoltre una valida alternativa di origine vegetale all’acido ialuronico: è un estratto selezionato di pianta di carruba (Ceratonia Siliqua Gum): possiede interessanti proprietà anti-disidratanti e ammorbidenti formando sulla pelle un film sottile e visco-elastico.

Face D – Crema Viso Rassodante Antinquinamento con…*

  • Crema viso idratante rassodante e rivitalizzante antirughe con SPF15, protegge la pelle dagli…
  • Per tutti i tipi di pelle, anche le più sensibili, dermatologicamente testata. Nickel tested
  • Formulato con acido ialuronico a 3 pesi molecolari (tecnologia 3-LURONICS, idrata e stimola la…

Svr Densitium Bi Serum – 30 ml*

  • 2 formule per una concentrazione (45%) di principi attivi dermatologici anti-età per…
  • Texture sensoriale dall’effetto tonificante che dona comfort ed elasticità senza avere un…
  • Formato 30 ml

 

FONTI UTILI PER L’ARTICOLO:

1)https://www.thezoereport.com/p/sodium-hyaluronate-vs-hyaluronic-acid-what-to-know-which-to-use-18169226

2)https://www.agriculturejournals.cz/publicFiles/02029.pdf

3)https://www.byrdie.com/what-is-hyaluronic-acid

4)https://www.kosmeticanews.it/acido-ialuronico-co-2/

5)https://www.sciencedirect.com/topics/chemistry/hyaluronic-acid

6)https://www.agriculturejournals.cz/publicFiles/02029.pdf

7)https:/www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3583886/

8)https://pubchem.ncbi.nlm.nih.gov/compound/Hyaluronic-Acid#section=Therapeutic-

ACIDO IALURONICO: QUANTO PENETRA NELLA PELLE? ultima modifica: 2020-02-02T14:43:33+01:00 da Mara Alvaro

Ultimo aggiornamento 2020-10-30 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Source