Sentiamo spesso parlare del collagene e dell’acido ialuronico come di sostanze fondamentali per mantenere la bellezza e la giovinezza della pelle, soprattutto di quella del viso ma sappiamo davvero come agiscono e quale siano le differenze tra collagene e acido ialuronico? Cerchiamo di scoprirne di più.

Innanzitutto sia il collagene che l’acido ialuronico sono due sostanze presenti naturalmente nel nostro corpo che agiscono a livello dei tessuti connettivi e delle articolazioni. Tuttavia sono due composti differenti.

Acido ialuronico

Si tratta di polisaccaride che si trova in numerose zone del corpo nel derma, cioè nella parte più profonda della pelle, e che viene distribuito attraverso i tessuti della pelle e quelli connettivi al fine di lubrificare le articolazioni (è un componente fondamentale del liquido sinoviale) e il tessuto connettivo, ma anche gli occhi (viene impiegato, ad esempio, nella produzione di colliri per combattere la secchezza oculare) e nella cura delle ferite (il suo utilizzo, infatti, è efficace per favorire ed accelerare il processo di guarigione delle ferite e la rigenerazione dei tessuti).

La sua applicazione in campo della cosmetica e della medicina estetica antiage ha lo scopo di idratare la pelle in profondità e ci riesce benissimo, dal momento che riesce a catturare e legare tantissime molecole di acqua Con il passare degli anni la quantità di acido ialuronico disponibile diminuisce e di conseguenza ne soffrono sia le articolazioni che la pelle, che comincia ad essere più secca e disidratata. Per sopperire al calo della concentrazione di acido ialuronico si possono assumere integratori alimentari o, per quanto riguarda la pelle, utilizzare una crema che contenga acido ialuronico in diversi pesi molecolari.

A questo proposito è bene chiarire che esistono diverse formulazioni cosmetiche con l’acido ialuronico:

  • alto peso molecolare: servono a idratare la pelle a livello superficiale creando una sorta di film protettivo che impedisce la disidratazione;
  • medio peso molecolare: arriva fino agli strati medi della pelle, idratandola e preservandone la compattezza;
  • basso peso molecolare: la molecola viene assorbita dino agli strati profondi del derma e contribuisce anche a stimolare la produzione di collagene.

Collagene

Il collagene è una proteina fondamentale per la fibra di pelle e cartilagine, ma anche di ossa e tessuti connettivi in genere. Si tratta di una sostanza spessa che costituisce il 75% di tutte le proteine presenti nella pelle, nel normale processo di invecchiamento si va incontro ad una riduzione della produzione di collagene, un fenomeno che contribuisce alla formazione di rughe e rende la pelle meno elastica e più fragile. La carenza di collagene può anche sentirsi a livello delle articolazioni, meno elastiche, e dei capelli, che risultano essere deboli.

Esistono diversi tipi di collagene:

  • collagene di tipo I: copre il 90% di tutto il collagene presente nell’organismo ed è il costituente principale della matrice del derma;
  • collagene di tipo II: ubicato soprattutto a livello delle articolazioni e nell’umor vitreo dell’occhio;
  • collagene di tipo III: si trova nel derma e nelle pareti dei vasi sanguigni.

E’ evidente, dunque, che nella scelta del tipo di collagene da usare è importante partire dalla causa per la quale si intende integrare questa sostanza, perché il collagene di tipo II può andar bene per la cartilagine, ad esempio, ma non per contrastare i segni dell’invecchiamento sulla pelle del viso.

Entrambi, acido ialuronico e collagene, in associazione con l’elastina, sono quindi fondamentali per lubrificare, idratare, nutrire e sostenere gran parte dei tessuti del nostro organismo, pelle compresa.

Esistono in commercio numerosi integratori di acido ialuronico e collagene, nella cui formulazione spesso troviamo anche la vitamina C, che stimola la produzione di collagene, ed altre sostanze antiossidanti che forniscono un’efficace azione antiage. Così come troviamo molti tipi di creme e prodotti cosmetici che contengono acido ialuronico o sostanze che favoriscono la produzione di collagene.

Source